Home Page
   |  Home  |  | Mappa |

  • Presentazione
  • Attestazione
  • Notizie & Eventi
  • Link
  • CONTATTACI
  • MEMBER AREA

    Home > Notizie & Eventi > Notizie

    nel settore

    Determinazione n. 6 dell'8 Luglio 2009
    09/07/2009
    Il procedimento di verifica delle offerte anormalmente basse con particolare riferimento al criterio del prezzo più basso
    Sono pervenuti all'Autorità da parte di stazioni appaltanti ed operatori economici alcuni quesiti circa l'interpretazione dell'articolo 88, comma 7 del D. lgs. 163/2006 (d'ora innanzi "Codice"). L'articolo 88, comma 7 del Codice, come modificato dal terzo decreto correttivo, prevede che "La stazione appaltante sottopone a verifica la prima migliore offerta, se la stessa appaia anormalmente bassa, e, se la ritiene anomala, procede nella stessa maniera progressivamente nei confronti delle successive migliori offerte, fino ad individuare la migliore offerta non anomala. All'esito del procedimento di verifica la stazione appaltante dichiara le eventuali esclusioni di ciascuna offerta che, in base all'esame degli elementi forniti, risulta, nel suo complesso, inaffidabile, e dichiara l'aggiudicazione definitiva in favore della migliore offerta non anomala". Le problematiche evidenziate nei quesiti assumono particolare rilevanza a seguito dell'approvazione del terzo decreto correttivo che, com'è noto, ha limitato la possibilità di utilizzo dell'esclusione automatica dalle gare indette al prezzo più basso agli appalti di lavori di importo inferiore ad 1 milione di euro ed agli appalti di servizi e forniture di importo inferiore a 100.000 euro. In particolare, è stato chiesto all' Autorità se sia ammissibile, a seguito delle modifiche apportate dal terzo decreto correttivo all'articolo 88, conuna 7, del Codice, non svolgere i sub procedimenti di verifica delle offerte uno alla volta, ma anche contemporaneamente, fermo restando che la fase conclusiva dell'accertamento della congruità delle offerte, deve avvenire progressivamente a partire dall'offerta di maggior ribasso fino all'offerta ritenuta non anomala. Con il d. lgs. n. 152/2008 si è disposto, infatti, che solo all'esito del procedimento di verifica progressiva delle offerte anomale la stazione appaltante dichiari le eventuali esclusioni e pronunci l'aggiudicazione in favore della migliore offerta non anomala, mentre con la previgente formulazione l'esclusione veniva dichiarata ogni qual volta la singola offerta fosse risultata non affidabile.

    Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori servizi e forniture


    Allegati
    Criterio di valutazione delle offerte anomale



    Torna all'Archivio degli Eventi per l'anno 2009

    Archivio News


    Presentazione  |  Attestazione  |  NOTIZIE & EVENTI  |  PRIVACY
    Cookie policy
    P.IVA 01150540993
    SOA RINA S.p.A. - Sede legale in Via Ilva 2/7, 16128 Genova - Capitale sociale € 1.000.000 i.v. - Registro Imprese di Genova n. 01150540993